Brandi, il restauro antiquario e il falso