Mozart, il pianista e il teatro dei segni