L’ingegneria e la “scomparsa delle lucciole”