Nell’epoca della riproducibilità la conservazione del testo teatrale è limitata all’originale nella versione manoscritta o dattiloscritta oppure a esemplari rari e infine a copie, che acquistano il loro valore perché il regista, l’attore, il suggeritore hanno annotato, sottolineato oppure eliminato parole e frasi. I musei, gli archivi reali e virtuali, gli studiosi svolgono il loro compito. Ma non è sufficiente. Fino ad ora l’attenzione è stata rivolta sui materiali e sui documenti da salvaguardare. Non c’è eredità culturale da donare e da tramandare, se le persone che costituiscono la società mondiale non comprendono il valore delle testimonianze del passato. Parlare di conservazione, in modo particolare, dell’ eredità culturale teatrale significa oggi cambiare punto di vista attivando una metodologia di ricerca simile a quella dell’archeologo, che raccoglie i resti sparsi e cerca di far apparire davanti agli occhi del fruitore qualcosa che non esiste più, ricreando il contesto originario per dare così significato e importanza al singolo “pezzo”.

Gavrilovich, D. (2015). Проблемам нотации, сохранения, реконструкции и театрального переосмысления театральных текстов.. ??????? it.cilea.surplus.oa.citation.tipologie.CitationProceedings.prensentedAt ??????? Symposium "Theatrical heritage research: international experience" on the occasion of the 70th Anniversary of UNESCO, Saint Petersburg.

Проблемам нотации, сохранения, реконструкции и театрального переосмысления театральных текстов.

GAVRILOVICH, DONATELLA
2015

Abstract

Nell’epoca della riproducibilità la conservazione del testo teatrale è limitata all’originale nella versione manoscritta o dattiloscritta oppure a esemplari rari e infine a copie, che acquistano il loro valore perché il regista, l’attore, il suggeritore hanno annotato, sottolineato oppure eliminato parole e frasi. I musei, gli archivi reali e virtuali, gli studiosi svolgono il loro compito. Ma non è sufficiente. Fino ad ora l’attenzione è stata rivolta sui materiali e sui documenti da salvaguardare. Non c’è eredità culturale da donare e da tramandare, se le persone che costituiscono la società mondiale non comprendono il valore delle testimonianze del passato. Parlare di conservazione, in modo particolare, dell’ eredità culturale teatrale significa oggi cambiare punto di vista attivando una metodologia di ricerca simile a quella dell’archeologo, che raccoglie i resti sparsi e cerca di far apparire davanti agli occhi del fruitore qualcosa che non esiste più, ricreando il contesto originario per dare così significato e importanza al singolo “pezzo”.
Symposium "Theatrical heritage research: international experience" on the occasion of the 70th Anniversary of UNESCO
Saint Petersburg
2015
Ministero della Cultura della Federazione Russa
Rilevanza internazionale
su invito
15-dic-2015
Settore L-ART/05 - Discipline Dello Spettacolo
Russian
bene culturale teatrale; testo teatrale; salvaguardia; conservazione; nuova metodologia
Intervento a convegno
Gavrilovich, D. (2015). Проблемам нотации, сохранения, реконструкции и театрального переосмысления театральных текстов.. ??????? it.cilea.surplus.oa.citation.tipologie.CitationProceedings.prensentedAt ??????? Symposium "Theatrical heritage research: international experience" on the occasion of the 70th Anniversary of UNESCO, Saint Petersburg.
Gavrilovich, D
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/184312
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact