L’ira: note sulla semantica di un’emozione complessa (e su alcune occorrenze dantesche)