Nulla può essere considerato più aggregante e sfidante della tematica del branding – oggi - quando le organizzazioni ancora fanno fronte agli effetti di una delle due più grandi crisi economiche e di mercato che l’Occidente ricordi seguita dalla turbolenza inarrestabile, sotto il profilo politico e sociale, che lo stesso mondo globale sta vivendo. La creazione e la gestione della marca abbracciano concretamente il marketing, beninteso, ma sono anche in profondità associate alla cultura del design, e non solo a quello identitario ma a quello introiettato nei prodotti, nei servizi e nelle creazioni di comunicazione d’impresa, come alla comunicazione, come alla gestione delle human resources. Il branding è insomma un management “mainstream” nelle organizzazioni (Olins, 2008). Tali attività peraltro coinvolgono in pieno il mondo digitale, web, social e mobile: la costruzione dei brand nella contemporaneità è dunque un problema non da poco! La marca è diventata di fatto il canale “multicanale” fisico e digitale attraverso cui l’organizzazione presenta se stessa a se stessa e ai suoi mondi esterni. Con la marca si attraggono e fidelizzano i clienti e gli stakeholder, si fa crescere la quota di mercato o anche il Roi; si crea – nondimeno – reputazione sui prodotti e sull’impresa. Tutto ciò è vero ma non necessariamente si verifica.

Pattuglia, S. (2016). Brand e social media: un binomio "esplosivo". HARVARD BUSINESS REVIEW ITALIA, 3, 72-72.

Brand e social media: un binomio "esplosivo"

Pattuglia, S
2016

Abstract

Nulla può essere considerato più aggregante e sfidante della tematica del branding – oggi - quando le organizzazioni ancora fanno fronte agli effetti di una delle due più grandi crisi economiche e di mercato che l’Occidente ricordi seguita dalla turbolenza inarrestabile, sotto il profilo politico e sociale, che lo stesso mondo globale sta vivendo. La creazione e la gestione della marca abbracciano concretamente il marketing, beninteso, ma sono anche in profondità associate alla cultura del design, e non solo a quello identitario ma a quello introiettato nei prodotti, nei servizi e nelle creazioni di comunicazione d’impresa, come alla comunicazione, come alla gestione delle human resources. Il branding è insomma un management “mainstream” nelle organizzazioni (Olins, 2008). Tali attività peraltro coinvolgono in pieno il mondo digitale, web, social e mobile: la costruzione dei brand nella contemporaneità è dunque un problema non da poco! La marca è diventata di fatto il canale “multicanale” fisico e digitale attraverso cui l’organizzazione presenta se stessa a se stessa e ai suoi mondi esterni. Con la marca si attraggono e fidelizzano i clienti e gli stakeholder, si fa crescere la quota di mercato o anche il Roi; si crea – nondimeno – reputazione sui prodotti e sull’impresa. Tutto ciò è vero ma non necessariamente si verifica.
Pubblicato
Rilevanza nazionale
Articolo
Comitato scientifico
Settore SECS-P/08 - Economia e Gestione delle Imprese
Italian
marketing; comunicazione; social media; new media; mobile; internet; brand; community; marca
Pattuglia, S. (2016). Brand e social media: un binomio "esplosivo". HARVARD BUSINESS REVIEW ITALIA, 3, 72-72.
Pattuglia, S
Articolo su rivista
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
brand e social media binomio espolosivo HARVARD BUSINESS REVIEW MARZO 2016.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 127.8 kB
Formato Adobe PDF
127.8 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2108/150027
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact