Anamorfosi del bello e del sublime nella mitopoiesi di F. Nietzsche