30 anni di dottorato di ricerca. L'ora del 2+3