La poesia del frammento: divagazioni postmallarmeane