Il presupposto soggettivo del fallimento dopo la riforma (seconda parte)