L'actio come potere e la "differenza specifica" del rapporto giuridico