Adulterio della moglie e moralismo del giudice