Viene esaminato l'uso delle parole polis, polites e politeia in Aristotele, nonché l'elaborazione da parte del filosofo della costituzione dei mesoi. In particolare, viene sottolineata la divaricazione fra l’Aristotele storico e studioso delle costituzioni e l’Aristotele teorico della costituzione migliore. Si osserva inoltre che l’analisi aristotelica percorre due percorsi tra loro distanti e inconciliabili, che conducono ad approdi diversi: allo studioso della democrazia, che aveva lucidamente descritto la natura e le caratteristiche di questa forma costituzionale fondata sulla sovranità popolare, sull’eguaglianza dei cittadini, su un esercizio del potere aperto indistintamente a tutti e sul principio di maggioranza, si sovrappone l’architetto costituzionale, il quale non mette più alla base della propria concezione dello stato il polites, ma la centralità dei fini.

Lanzillotta, E. (2004). Lo stato del cittadino nella «Politica» di Aristotele. In S. Cataldi (a cura di), Poleis e Politeiai. Esperienze politiche, tradizioni letterarie, progetti costituzionali. Atti del convegno internazionale di storia Greca (Torino, 29-31 Maggio 2002) (pp. 385-391). Alessandria : Edizioni dell'Orso.

Lo stato del cittadino nella «Politica» di Aristotele

LANZILLOTTA, EUGENIO
2004

Abstract

Viene esaminato l'uso delle parole polis, polites e politeia in Aristotele, nonché l'elaborazione da parte del filosofo della costituzione dei mesoi. In particolare, viene sottolineata la divaricazione fra l’Aristotele storico e studioso delle costituzioni e l’Aristotele teorico della costituzione migliore. Si osserva inoltre che l’analisi aristotelica percorre due percorsi tra loro distanti e inconciliabili, che conducono ad approdi diversi: allo studioso della democrazia, che aveva lucidamente descritto la natura e le caratteristiche di questa forma costituzionale fondata sulla sovranità popolare, sull’eguaglianza dei cittadini, su un esercizio del potere aperto indistintamente a tutti e sul principio di maggioranza, si sovrappone l’architetto costituzionale, il quale non mette più alla base della propria concezione dello stato il polites, ma la centralità dei fini.
Settore L-ANT/02 - Storia Greca
Settore M-FIL/07 - Storia della Filosofia Antica
Italian
Rilevanza internazionale
Capitolo o saggio
Aristotele; Filosofia greca; Storia greca; Costituzionalismo greco
Lanzillotta, E. (2004). Lo stato del cittadino nella «Politica» di Aristotele. In S. Cataldi (a cura di), Poleis e Politeiai. Esperienze politiche, tradizioni letterarie, progetti costituzionali. Atti del convegno internazionale di storia Greca (Torino, 29-31 Maggio 2002) (pp. 385-391). Alessandria : Edizioni dell'Orso.
Lanzillotta, E
Contributo in libro
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/37916
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact