Dimostrazione che ἄππα non è un conio callimacheo, ma presupposto da un nome proprio già nel V secolo. Ipotesi sulla qualifica di “macedone” che le fonti antiche danno al termine

Dettori, E. (2006). Osservazioni su gr. ἄππα. In M. Laporta (a cura di), Studi di antichità linguistiche in memoria di Ciro Santoro (pp. 159-166). Bari : Cacucci.

Osservazioni su gr. ἄππα

DETTORI, EMANUELE
2006

Abstract

Dimostrazione che ἄππα non è un conio callimacheo, ma presupposto da un nome proprio già nel V secolo. Ipotesi sulla qualifica di “macedone” che le fonti antiche danno al termine
Settore L-FIL-LET/02 - Lingua e Letteratura Greca
Italian
Rilevanza internazionale
Dettori, E. (2006). Osservazioni su gr. ἄππα. In M. Laporta (a cura di), Studi di antichità linguistiche in memoria di Ciro Santoro (pp. 159-166). Bari : Cacucci.
Dettori, E
Contributo in libro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
60. Osservazioni su gr. ἄππα.pdf

accesso aperto

Dimensione 330.71 kB
Formato Adobe PDF
330.71 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2108/29618
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact