Sono esaminati gli aspetti ed i protagonisti principali del problema dell'uso degli strumenti derivati per la gestione del debito pubblico, analizzando il contributo normativo del legislatore, il ruolo del singolo ente locale e quello dell'intermediario finanziario. Vengono proposte alcune metodologie per l'analisi dei possibili scenari futuri nell'andamento dei tassi di interesse, utili per la valutazione di proposte alternative e per il monitoraggio dei rischi futuri.

Caracciolo, E. (2005). L'uso di derivati su tasso per la gestione del debito pubblico.

L'uso di derivati su tasso per la gestione del debito pubblico

2005-08-03T10:40:33Z

Abstract

Sono esaminati gli aspetti ed i protagonisti principali del problema dell'uso degli strumenti derivati per la gestione del debito pubblico, analizzando il contributo normativo del legislatore, il ruolo del singolo ente locale e quello dell'intermediario finanziario. Vengono proposte alcune metodologie per l'analisi dei possibili scenari futuri nell'andamento dei tassi di interesse, utili per la valutazione di proposte alternative e per il monitoraggio dei rischi futuri.
A.A. 2004/2005
Settore SECS-P/11 - Economia degli Intermediari Finanziari
it
Tesi di dottorato
Caracciolo, E. (2005). L'uso di derivati su tasso per la gestione del debito pubblico.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TesiDottoratoEmmaCaracciolo.pdf

non disponibili

Dimensione 2.15 MB
Formato Adobe PDF
2.15 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/28
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact