La deriva della Cassazione e il silenzio dei chierici