La solitudine di un corpo abituato alla ferita