Modernismi e autarchia negli anni trenta