Appunti su un disegno bellifontano di Nicolò dell'Abate e sul signore di Brantôme