Platone, il “noi” e “gli altri”: la relazione oppositiva città/campagna e il suo valore emblematico