Considerazioni romanistiche sulla resistenza dei termini di ‘erede’ e ‘successione’