Il De figuris numerorum di Prisciano tra questioni di lingua, fattori socio-culturali e bisogni identitari