Play e Not I: l'originalità doppia dei testi beckettiani