Libertà e natura nelle serie fenomeniche