L'elmo della invisibilità: sulla identificazione di un elemento del meraviglioso germanico