Religione di guerra e legittimazione della violenza