L'appartenenza all'ordinamento europea ha costretto l'Italia, come altri Paesi membri, ad occuparsi del tema delle malattie rare, fra l'altro, elaborando un apposito Piano. La Direttiva sull'assistenza sanitaria transfrontaliera del 2011 si è occupata anche delle malattie rare, incentivando lo sviluppo di Reti di riferimento europee: l'Italia, sul punto, si è fatta trovare pronta, avendo già sviluppato una rete di Presidi regionali dedicato alle malattie rare.

Petrillo, C. (2018). Le malattie rare tra Unione europea e ordinamento italiano. In D. Morana (a cura di), L'assistenza sanitaria transfrontaliera. Verso un welfare state europeo? (pp. 241-280). Edizioni Scientifiche Italiane.

Le malattie rare tra Unione europea e ordinamento italiano

Petrillo, C
2018

Abstract

L'appartenenza all'ordinamento europea ha costretto l'Italia, come altri Paesi membri, ad occuparsi del tema delle malattie rare, fra l'altro, elaborando un apposito Piano. La Direttiva sull'assistenza sanitaria transfrontaliera del 2011 si è occupata anche delle malattie rare, incentivando lo sviluppo di Reti di riferimento europee: l'Italia, sul punto, si è fatta trovare pronta, avendo già sviluppato una rete di Presidi regionali dedicato alle malattie rare.
Settore IUS/08 - Diritto Costituzionale
Italian
Rilevanza internazionale
Capitolo o saggio
malattie rare; Unione europea; E.R.N. Presidi regionali
Petrillo, C. (2018). Le malattie rare tra Unione europea e ordinamento italiano. In D. Morana (a cura di), L'assistenza sanitaria transfrontaliera. Verso un welfare state europeo? (pp. 241-280). Edizioni Scientifiche Italiane.
Petrillo, C
Contributo in libro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Malattie rare.pdf

non disponibili

Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 182.1 kB
Formato Adobe PDF
182.1 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2108/199833
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact