Vittorini e l'incontaminata adolescenza