Sulla inconfigurabilità di una c.d. mediazione unilaterale