L’esigenza di criteri interpretativi universali negli ordinamenti giuridici globali