L’istituto che si identifica con l’espressione acquisizione sanante è regolato dal testo unico in materia di espropriazione per pubblica utilità, d.p.r. 8-6-2001, n. 327 (d’ora in avanti t.u. espropriazione), sotto la rubrica Utilizzazione senza titolo di un bene per scopi di interesse pubblico. L’art. 42 bis, t.u. espropriazione, consente all’amministrazione che utilizzi un immobile modificato in assenza di un titolo valido ed efficace, di disporne formalmente l’acquisizione, corrispondendo al proprietario l’indennizzo per il pregiudizio patrimoniale e non patrimoniale, e il risarcimento per il periodo di illegittima occupazione. La disciplina ambisce a definire – e risolvere – l’annosa questione delle occupazioni lato sensu illegittime, alle quali era stata estesa la regola gius-civilistica dell’accessione invertita. Nel configurare i presupposti, le procedure, e i caratteri dell’acquisizione sanante, dunque, l’art. 42 bis, t.u. espropriazione, rappresenta il secondo tentativo di ricondurre il fenomeno delle espropriazioni indirette entro una cornice di legalità . È in riferimento a questo obiettivo, quindi, che si affronta l’analisi dell’istituto: si muove dalle origini della questione, si esaminano, poi, le principali soluzioni ordinamentali, si illustrano le reazioni e le critiche, e si concentra, infine, l’attenzione sulla regolamentazione dell’acquisizione sanante, della quale si discutono gli aspetti più controversi.

Conticelli, M. (2017). L’acquisizione sanante. In AAVV (a cura di), Digesto, discipline pubblicistiche, VII aggiornamento (pp. 1-18). Torino : Utet.

L’acquisizione sanante

Conticelli M
2017

Abstract

L’istituto che si identifica con l’espressione acquisizione sanante è regolato dal testo unico in materia di espropriazione per pubblica utilità, d.p.r. 8-6-2001, n. 327 (d’ora in avanti t.u. espropriazione), sotto la rubrica Utilizzazione senza titolo di un bene per scopi di interesse pubblico. L’art. 42 bis, t.u. espropriazione, consente all’amministrazione che utilizzi un immobile modificato in assenza di un titolo valido ed efficace, di disporne formalmente l’acquisizione, corrispondendo al proprietario l’indennizzo per il pregiudizio patrimoniale e non patrimoniale, e il risarcimento per il periodo di illegittima occupazione. La disciplina ambisce a definire – e risolvere – l’annosa questione delle occupazioni lato sensu illegittime, alle quali era stata estesa la regola gius-civilistica dell’accessione invertita. Nel configurare i presupposti, le procedure, e i caratteri dell’acquisizione sanante, dunque, l’art. 42 bis, t.u. espropriazione, rappresenta il secondo tentativo di ricondurre il fenomeno delle espropriazioni indirette entro una cornice di legalità . È in riferimento a questo obiettivo, quindi, che si affronta l’analisi dell’istituto: si muove dalle origini della questione, si esaminano, poi, le principali soluzioni ordinamentali, si illustrano le reazioni e le critiche, e si concentra, infine, l’attenzione sulla regolamentazione dell’acquisizione sanante, della quale si discutono gli aspetti più controversi.
Settore IUS/10 - Diritto Amministrativo
Italian
Rilevanza nazionale
Voce enciclopedica
accessione invertita espropriazione indiretta occupazione sine titulo
Conticelli, M. (2017). L’acquisizione sanante. In AAVV (a cura di), Digesto, discipline pubblicistiche, VII aggiornamento (pp. 1-18). Torino : Utet.
Conticelli, M
Contributo in libro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
3. CONTICELLI Acquisizione sanante.pdf

non disponibili

Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 277.85 kB
Formato Adobe PDF
277.85 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/192946
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact