Lo studio ritorna sul problema della localizzazione e della cronologia dell'oratorio dedicato al martire di Terracina Cesareo, che le fonti, databili soprattutto a partire dai primissimi anni del VII secolo, legano alla residenza imperiale del Palatino. Una revisione complessiva del quadro documentario, costituito da una serie di scritti soprattutto agiografici e da scarni indicatori archeologici, e la considerazione dei significati funzionali della chiesa orientano verso un'ipotesi di ubicazione nel settore sud-ovest del colle, in marcata relazione con l'antico tempio dei Cesari (aedes Caesarum/Divorum), e rendono plausibile una datazione entro i primi decenni del V secolo, periodo nel quale il palazzo vede un rilancio significativo entro il programma di ristanziamento del potere imperiale a Roma. Dall'originaria cappella palatina sarà dedotta poi la dedicazione del monastero altomedievale, fondazione probabilmente legata a Bisanzio, insediato nelle strutture monumentali della Domus Augustana. A questo appartengono i vani con pitture medievali portati alla luce da Alfonso Bartoli.

Spera, L. (2017). Note sull'oratorio di San Cesareo al Palatino. RIVISTA DI ARCHEOLOGIA CRISTIANA, 506-560.

Note sull'oratorio di San Cesareo al Palatino

Spera
2017

Abstract

Lo studio ritorna sul problema della localizzazione e della cronologia dell'oratorio dedicato al martire di Terracina Cesareo, che le fonti, databili soprattutto a partire dai primissimi anni del VII secolo, legano alla residenza imperiale del Palatino. Una revisione complessiva del quadro documentario, costituito da una serie di scritti soprattutto agiografici e da scarni indicatori archeologici, e la considerazione dei significati funzionali della chiesa orientano verso un'ipotesi di ubicazione nel settore sud-ovest del colle, in marcata relazione con l'antico tempio dei Cesari (aedes Caesarum/Divorum), e rendono plausibile una datazione entro i primi decenni del V secolo, periodo nel quale il palazzo vede un rilancio significativo entro il programma di ristanziamento del potere imperiale a Roma. Dall'originaria cappella palatina sarà dedotta poi la dedicazione del monastero altomedievale, fondazione probabilmente legata a Bisanzio, insediato nelle strutture monumentali della Domus Augustana. A questo appartengono i vani con pitture medievali portati alla luce da Alfonso Bartoli.
In corso di stampa
Rilevanza internazionale
Articolo
Esperti anonimi
Settore L-ANT/08 - Archeologia Cristiana e Medievale
Italian
Roma; chiese; Palatino
Spera, L. (2017). Note sull'oratorio di San Cesareo al Palatino. RIVISTA DI ARCHEOLOGIA CRISTIANA, 506-560.
Spera, L
Articolo su rivista
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2017 RAC San Cesareo.pdf

accesso solo dalla rete interna

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non specificato
Dimensione 2.05 MB
Formato Adobe PDF
2.05 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2108/192842
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact