Una forma bislacca e disarticolata” Il “Viva San Marco” di Eraldo Affinati