Destino. L'ultimo Debenedetti e il personaggio-uomo