La Cassazione sulla natura della responsabilità precontrattuale: 'aliquid novi'?