Ancora sull'interpretazione di peligno an(a)c(e)ta alla luce di una nuova attestazione