«Il più bello di tutti»: il gliconeo