Fragilità e giustizia. Alcune premesse antropologiche per la biogiuridica