La sentenza del Tribunale di Bergamo esaminata nell'articolo, si discosta da quanto argomentato dalla Cassazione con la sentenza n. 4518 del 26.2.2014, laddove in quest'ultima statuizione si era optato per una sostanziale presunzione di normalità della natura ripristinatoria dei versamenti indebiti eseguiti in costanza di rapporto, dovendosi necessariamente distinguere tra le fattispecie in cui il contratto di conto corrente risulti affidato da quelle in cui non lo sia. Nel commento si rileva una attenzione al profilo dinamico e sostanziale dell'interesse e quindi della causa in concreto dell'operazione perseguita dalla banca e dal cliente, tale da consentire l'individuazione di un ulteriore contratto di apertura di credito per facta concludentia e, per l'effetto, l'esistenza di rimesse ripristinatorie e non già solutorie della provvista (con le correlative conseguenze sul versante probatorio e su quello parallelo della decorrenza del termine prescrizionale ai fini delle azioni restitutorie)

Sangermano, F. (2017). La qualificazione dei versamenti indebiti eseguiti in conto corrente nel caso di contratto di affidamento bancario concluso per facta concludentia. LA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA(4), 468-477.

La qualificazione dei versamenti indebiti eseguiti in conto corrente nel caso di contratto di affidamento bancario concluso per facta concludentia

SANGERMANO, FRANCESCO
2017

Abstract

La sentenza del Tribunale di Bergamo esaminata nell'articolo, si discosta da quanto argomentato dalla Cassazione con la sentenza n. 4518 del 26.2.2014, laddove in quest'ultima statuizione si era optato per una sostanziale presunzione di normalità della natura ripristinatoria dei versamenti indebiti eseguiti in costanza di rapporto, dovendosi necessariamente distinguere tra le fattispecie in cui il contratto di conto corrente risulti affidato da quelle in cui non lo sia. Nel commento si rileva una attenzione al profilo dinamico e sostanziale dell'interesse e quindi della causa in concreto dell'operazione perseguita dalla banca e dal cliente, tale da consentire l'individuazione di un ulteriore contratto di apertura di credito per facta concludentia e, per l'effetto, l'esistenza di rimesse ripristinatorie e non già solutorie della provvista (con le correlative conseguenze sul versante probatorio e su quello parallelo della decorrenza del termine prescrizionale ai fini delle azioni restitutorie)
Pubblicato
Rilevanza internazionale
Articolo
Esperti anonimi
Settore IUS/01 - Diritto Privato
Italian
contratto; conto corrente; affidamento bancario; rimesse
Sangermano, F. (2017). La qualificazione dei versamenti indebiti eseguiti in conto corrente nel caso di contratto di affidamento bancario concluso per facta concludentia. LA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA(4), 468-477.
Sangermano, F
Articolo su rivista
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NGCC_04_2017_0468-SANGERMANO.pdf

non disponibili

Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 393.3 kB
Formato Adobe PDF
393.3 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2108/183081
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact