Tra Abiezione e disgusto. Il corpo ferito dell’arte contemporanea