Nuovi percorsi oltre il ciclo di Jespersen: l’apporto del latino