Cavalcanti e l'invenzione del lettore