Eleonora Duse e Vera Komissarzhevskaya: un mosaico di tessere policrome