Il “giusto prezzo” dei campioni biologici umani