Un’altra “rimenata” a Dante? Certo non è de lo ’ntelletto acolto di Guido Cavalcanti