Il "più proprio a noi di noi stessi": l'estraneità interiore