Lo "spreco" inevitabile e la questione dei valori