Divagazioni sul “Pasticciaccio” secondo Terzoli