Amleto e il tragico: a proposito di un saggio di Carl Schmitt