"Desiderai essere un cittadino". Oltre il retaggio simbolico della moderna sovranità